Giovedì, 02 Aprile 2015 16:21

Una riflessione sul backup

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Negli ultimi 20 anni la tecnologia ci ha completamente modificato lo stile di vita e la quantità di dati digitali con cui abbiamo a che fare tutti i giorni è cresciuta esponenzialmente.

E’ da moltissimo tempo che si parla di sicurezza dei dati, di tecnologie dedicate al Disaster Recovery, complesse o meno complesse, siamo terrorizzati dal perdere dati dai nostri computer e ci preoccupiamo quando leggiamo in rete di attacchi come Cryptolocker o altri malware Ransomware.

Nonostante ciò, incredibilmente, ci sono ancora aziende, liberi professionisti e utenti privati, che non eseguono procedure semplici ed economiche come il Backup dei dati.

Da qui la necessità di soffermarsi qualche minuto e riflettere su eventuali errori che il mondo ICT sta facendo. Si parla tantissimo di tecnologie complesse, ma alcune volte bisogna tornare alle cose banali, semplici ed economiche, le quali possono risolvere o meglio prevenire innumerevoli disastri digitali.

Per pianificare correttamente una procedura di BACKUP su un pc di utente privato si necessità di non più di 20 minuti di tempo e l’acquisto di un disco esterno USB (il costo dell’operazione dovrebbe aggirarsi intorno ad una cifra inferiore ai 100€), basta scaricare da internet il validissimo Cobian Backup (gratuito), creare un nuovo task ed i dati sono al sicuro. Lo stesso vale per liberi professionisti e/o piccole aziende, quello che cambia è solo il tempo di esecuzione dei backup che varia in base ai dati modificati durante la giornata.

Alcuni piccoli accorgimenti nell’impostazione dei backup possono essere: una pianificazione temporale giornaliera e l’invio via mail del Report Finale per capire se il backup è andato a buon fine. Con una buona impostazione dello strumento posso garantirvi che il tempo da dedicare alle procedure di backup è pari a 2 minuti al giorno, il tempo necessario per aprire la mail e dare uno sguardo.

Quest’articolo nasce proprio in questi giorni, dopo aver visto numerosi casi di perdite di dati per virus e danneggiamenti di dischi; utenti disperati che sono disposti a pagare anche cifre esorbitanti pur di recuperare archivi importanti.

Da qui l’esigenza di far riflettere tutti su uno strumento semplice, economico, alla portata di tutti, esperti e meno esperti, ma che di sicuro ci aiuta ad affrontare al meglio un’eventuale perdita di dati per disco danneggiato, attacco Cryptolocker o furto del notebook. E’ veramente inaccettabile che nel 2015 ci siano delle persone che si preoccupano dei dati solo quando si verifica il problema, affermando: “Non ci avevo mai pensato”.

Se poi vogliamo approfondire il discorso, ci sarebbero anche i backup geografici; basterebbe attivare un paio di account Dropbox, Google Drive o similari per mettere al sicuro i dati più importanti e fuori dalla sede in cui è situato il pc e l’eventuale disco esterno. Un metodo, anche questo economico, che ci evita di perdere i dati in casi di incendio o furto del dispositivo di backup. In pratica, è sempre meglio avere un backup in sede ed uno fuori sede.

Agli utenti privati chiedo di soffermarsi 5 minuti, il tempo di un caffè, per riflettere sull’argomento e decidere di risolvere il problema entro pochi giorni. Per i meno esperti, oltre che scaricare Cobian Backup, posso suggerire anche di cercarlo su youtube, ci sono ottimi tutorial sull’utilizzo del software.

Ricordiamoci sempre che l’innovazione deve semplificare la vita di ognuno di noi.

Buon Backup a tutti.
Massimo Chirivì

Letto 1364 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Massimo Chirivì

Massimo Chirivì - ICT Consultant
Via Carducci 228, 73050 - Salve (LE)
Tel. +.39.3357214260
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Site WEB: www.massimochirivi.net